GLI APPUNTAMENTI COLLATERALI di C’è FERMENTO

pubblicato il 20 giugno | in News

Venerdì 22 dalle ore 19.30, presentazione locale dedicata al Salone,

della Guida alle Birre d’Italia edita Slow Food, a cura dei curatori Luca Giaccone ed Eugenio Signoroni

 

Sabato 23, intorno alle ore 19, sarà protagonista “Chicco” del Birrificio Antagonisti per presentare un progetto personale, la birra al pane

 

Domenica 24, alle 19, da Torino il Birrificio Madama, ci racconterà un progetto che lega e unisce

4 birrifici della città della Mole

 

Il dettaglio

Venerdì 22 – ore 19.30 – Cortili e locali Ex Caserma Musso – C’è Fermento

La Guida alle Birre d’Italia Slow Food

La Guida alle birre d’Italia, giunge alla sua sesta edizione, e negli anni è diventata un sicuro punto di riferimento per tutti quelli che – appassionati e neofiti –vogliono conoscere questo settore divenuto così importante nella scena gastronomica italiana. Grazie a un’ampia squadra di collaboratori tutti i birrifici presenti in guida sono visitati e tutte le birre assaggiate e descritte. A partire da questa nuova edizione al lettore sono fornite più informazioni sul birrificio e sulla produzione. La guida è curata da Luca Giaccone ed Eugenio Signoroni e saranno proprio loro a parlarne a Saluzzo.

 

Sabato 23 – ore 19.00 – Cortili e locali Ex Caserma Musso – C’è Fermento

La birra al pane. Biova. La prima birra fatta dal pane cotto a legnaBiova Beer.

Anche il pane migliore invecchia e viene buttato via.

Biova è la prima birra al mondo fatta da pane rimasto invenduto proveniente da forni a legna. Ogni giorno, molto, troppo pane, viene costantemente sprecato.  I ragazzi del Birrificio Antagonisti di Melle hanno avuto un’idea.

Per ogni cotta di Biova Beer ci sono più di 100 kg di pane che, invece di diventare avanzi, diventano qualcosa di meraviglioso.  La loro birra.

 

Domenica 24 – ore 19.00 – Cortili e locali Ex Caserma Musso – C’è Fermento

Torino e la Birra Artigianale

I protagonisti: i birrai regi di Torino

Torino oggi è la casa di 4 affermate realtà che producono birra artigianale di alta qualità:

  • Birrificio Torino, nato nel 2001 in via Parma;
  • Birrificio San Paolo, che ha sede nell’omonimo quartiere di Torino;
  • Birrificio la Piazza, nato nel 2007 nel quartiere San Donato;
  • Birra Madama, brew firm, nata nel 2014;

Tutti hanno un proprio stile birrario riconoscibile, ma tutti sono accomunati dalla passione e dall’impegno nel produrre una birra artigianale, di qualità, senza conservanti e coloranti. I 4 birrifici si sono uniti diventando Birrai Regi di Torino per mettere in luce un’eccellenza produttiva della Città con grande attenzione ai temi di artigianalità, qualità, ricerca e consapevolezza. La volontà è quella di far conoscere il prodotto nel modo giusto: con la comunicazione ma anche con l’informazione e la conoscenza in senso stretto. Pertanto, unire le forze per i 4 birrifici della Mole, significa scoprire la Città di Torino, organizzando tour per visitare gli edifici ancora esistenti delle fabbriche storiche, la città e i birrifici stessi.

Quale luogo migliore per presentare un progetto così ampio e così completo, se non il Salone di C’è Fermento?

 

Torino è una città con una storia importante di produzione birraria. Grazie all’abbondanza di fiumi, che consentivano facilmente l’approvvigionamento di buona acqua, alla base della bevanda, tra la fine dell’Ottocento e il secolo scorso sono nati numerosi birrifici, rimasti nella memoria. Ricordiamo i marchi storici delle fabbriche torinesi come la Bosio & Caratsch, che è il primo birrificio nato in Italia, la Metzger e la Boringhieri, e le numerose altre realtà che producevano birra in città.  Ma non è solo storia lontana, perché oggi nuove realtà svolgono questo antico mestiere, con tecniche moderne e ottenendo un prodotto di sempre maggiore qualità. La birra artigianale è un prodotto genuino, che nasce da 4 ingredienti di base: acqua, malto d’orzo, luppolo e lievito. È prodotta senza l’utilizzo di conservanti, non viene pastorizzata, e le materie prime utilizzate, che sono quelle che permettono di dare i sapori e gli aromi desiderati, sono di prima scelta. Ed è un prodotto che, specialmente negli ultimi anni, viene sempre maggiormente cercato dal pubblico, che vuole scoprire i diversi sapori della birra e bere con coscienza.

 

Pin It

Articoli correlati